Confesercenti Roma: lo smart working di oltre 400 mila occupati provoca un danno all’economia irrimediabile

Il Presidente Giammaria: “E’ un errore ed un danno per l’economia diffusa che perde 130 milioni al mese, a rischio 6000 imprese” Giammaria, Confesercenti di Roma: Il ricorso allo smart working di massa e forzato di oltre 400 mila dipendenti è un errore e un danno per l’economia diffusa che perde 130 milioni al mese. A rischio chiusura altre 6000 imprese. “Il lavoro cosiddetto agile, sottolinea il Presidente della Confesercenti di Roma e del Lazio, Valter Giammaria, da casa, di massa e di fatto forzato da motivi, appunto, di forza maggiore poteva essere tollerato nel momento del cosiddetto look down, ma ora sta diventando un boomerang lanciato contro i servizi, che non vengono più assicurati come prima del blocco e un danno per l’intera economia. Soprattutto in una grande città…
Vai all’articolo completo Confesercenti Roma: lo smart working di oltre 400 mila occupati provoca un danno all’economia irrimediabile
Fonte: Confesercenti Nazionale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *