Fisco: Confesercenti, errore non spostare scadenze, maxi ingorgo di adempimenti drenerà liquidità imprese

Contribuenti già messi a dura prova, così si scatena la ‘tempesta perfetta’ sulle PMI. Termini slittino ad ottobre, sì a rateizzazioni oltre la fine dell’anno fiscale Non spostare le scadenze fiscali è un grave errore: da oggi sino a fine mese c’è un maxi-ingorgo di termini e adempimenti fiscali che va assolutamente evitato. Anche perché rischia di drenare la liquidità di tantissimi imprenditori, già messa a dura prova dalle difficoltà sorte per effetto dei provvedimenti restrittivi alle libertà personali ed alle attività produttive e commerciali imposte per arginare l’espandersi dell’epidemia da COVID-19. Così Confesercenti. Il combinato dei prelievi fiscali rimandati nel periodo del “lockdown”, di quelli ordinari che dovrebbero essere rimandati ora relativi alla dichiarazione dei redditi, di quelli straordinari in scadenza a settembre e i versamenti relativi al II…
Vai all’articolo completo Fisco: Confesercenti, errore non spostare scadenze, maxi ingorgo di adempimenti drenerà liquidità imprese
Fonte: Confesercenti Nazionale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *