Pescara, area di risulta: Confesercenti scrive al sindaco

L’associazione lancia il modello “Defense” di Parigi: “Meno bosco, più parcheggi e edifici dedicati al terziario” «Non entriamo nelle diatribe interne di questa e di altre amministrazioni: ma non si commetta l’errore di deliberare frettolosamente sull’area di risulta solo per dimostrare di aver affrontato il problema. Il tema della riqualificazione dell’area di risulta non può prescindere da alcuni aspetti: il ritorno degli uffici pubblici e privati nel centro urbano, la salvaguardia dei posti auto e l’accessibilità del costo dei parcheggi. Nessun progetto di riqualificazione potrà avere il consenso delle forze economiche senza il rispetto di questi parametri». Lo affermano, in una lettera inviata al sindaco di Pescara Marco Alessandrini, il presidente di Confesercenti Raffaele Fava ed il direttore Gianni Taucci. «La politica torni con i piedi per terra – dicono…
Vai all’articolo completo Pescara, area di risulta: Confesercenti scrive al sindaco
Fonte: Confesercenti Nazionale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *