Istat: da inizio anno crescita PIL -33%. Pesa sfiducia, anche consumi rallentano

Confesercenti: “Serve manovra più orientata a crescita. Meno fisco e più investimenti per restituire certezze” I dati diffusi dall’Istat ci dicono che tra il secondo e il terzo trimestre di quest’anno la crescita del Pil è scesa dall’1,2 allo 0,8% (-33%). Una frenata grave, ma non inattesa: conferma, infatti, le preoccupazioni già espresse da Confesercenti riguardo il cedimento del PIL e anche dei consumi, il cui tasso di crescita è già rallentato al di sotto dell’1%, il peggior risultato dal 2014. Così Confesercenti sui dati diffusi oggi dall’Istat. A pesare sulla crescita e sui consumi, performance sotto le aspettative sia dell’industria che del settore turistico. Ma anche la sfiducia degli operatori economici: da inizio anno, l’indicatore di fiducia delle imprese è sceso di 2,7 punti, nel commercio al dettaglio addirittura…
Vai all’articolo completo Istat: da inizio anno crescita PIL -33%. Pesa sfiducia, anche consumi rallentano
Fonte: Confesercenti Nazionale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *