Consumi pasquali

Bene i dolci della tradizione e il comparto ittico Stabili le carni, leggera flessione degli ovini A rilento la domanda di ortofrutta Una Pasqua lunga e con ponti favorisce le uscite dalle città e i consumi si spostano nei luoghi di villeggiatura e in generale si polarizzano sul canale del fuori casa. Anche la settimana che ha preceduto la Pasqua ha confermato un rallentamento dei consumi in continuità con lo scorso anno. Nel complesso, dunque, consumi ad andamento lento che speriamo possano incrementarsi in questi ultimi giorni. Nel dettaglio, si registra una buona tenuta per i dolci della tradizione come colombe, uova di cioccolato, delle diverse pezzature e decorazioni; molto bene i prodotti regionali: dai fiatoni abruzzesi al panpepato ferrarese, alla pastiera napoletana, alle pizze agrodolci del centro Italia, ai tradizionali…
Vai all’articolo completo Consumi pasquali
Fonte: Confesercenti Nazionale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *