Cedolare secca, si può applicare anche negozi con canone variabile

Il chiarimento dell’Agenzia delle Entrate: “Variabilità già prevista dal contratto, non preclude l’adesione” Il regime della cedolare secca al contratto di locazione di un negozio è applicabile pur in presenza di un canone variabile, perché detta variabilità non deriva da una successiva richiesta di aggiornamento, ma è frutto dell’applicazione di clausole contrattuali liberamente concordate dalle parti, fin dalla stipula del contratto e ritenute eque per contemperare i diversi interessi dei contraenti. Questo il chiarimento fornito dall’Agenzia delle entrate con la risposta n. 340 del 23 agosto 2019 a un interpello presentato da una contribuente. Per i tecnici dell’Agenzia – si legge su FiscoOggi, la rivista online dell’Agenzia delle Entrate – “è  evidente la differenza tra l’aggiornamento del canone di locazione per eventuali variazioni del potere di acquisto della moneta, come…
Vai all’articolo completo Cedolare secca, si può applicare anche negozi con canone variabile
Fonte: Confesercenti Nazionale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *