Confesercenti Siena: in bar e ristoranti anche i clienti siano responsabili. La Toscana segua l’Emilia sul distanziamento

Dopo l’uscita delle linee guida Inail, nuovo appello di Nannizzi: “da adottare il criterio del metro tra persone, anziché tra tavoli” L’esempio dell’Emilia Romagna merita attenzione. L’adozione di norme sul distanziamento nei pubblici esercizi merita di essere preso in considerazione anche in Toscana”. Così Leonardo Nannizzi, Presidente provinciale di Confesercenti Siena, rilancia l’appello che due giorni fa aveva fatto seguito alla diramazione da parte dell’Inail delle linee guida per la riapertura della ristorazione. Una serie di misure che aveva creato molto disappunto: regole inapplicabili, aveva detto Nannizzi, che riducono la capienza media dei locali ad un terzo di quella potenziale; di fatto un invito a stare chiusi. Ma ieri l’Emilia Romagna ha deciso di adottare criteri diversi, assumendo la distanza tra persone – anziché tra tavoli – come parametro da rispettare,…
Vai all’articolo completo Confesercenti Siena: in bar e ristoranti anche i clienti siano responsabili. La Toscana segua l’Emilia sul distanziamento
Fonte: Confesercenti Nazionale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *