Assoturismo-Confesercenti E.R.: alberghi e città d’arte in maggiore affanno

Occorrono sostegni per le categorie in difficoltà e il rinvio degli obblighi fiscali Il settore turistico è certamente uno dei più colpiti a causa del Coronavirus, e nonostante gli operatori si siano attrezzati immediatamente per garantire la sicurezza per i propri clienti, circola molta preoccupazione per l’esito della stagione estiva. Secondo i dati di uno studio commissionato dalla Regione all’Osservatorio turistico di Unioncamere, l’impatto di Covid-19 sull’industria turistica emiliano-romagnola nel periodo marzo-agosto può essere calcolato in una perdita di 19,2 milioni di presenze (-42%) e in una riduzione del giro d’affari di 1.180 milioni di euro nella migliore delle ipotesi. Numeri che potrebbero salire a 28 milioni di presenze in meno (-62%) e una perdita di 1.800 milioni di euro in quello peggiore. Nel settore della ricettività, il danno è stimato in una riduzione dei…
Vai all’articolo completo Assoturismo-Confesercenti E.R.: alberghi e città d’arte in maggiore affanno
Fonte: Confesercenti Nazionale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *