Confesercenti Veneto: Effetto Smart Working e chiusura scuole

Il Presidente Rossi: “Occorre un giusto equilibrio tra lavoro agile e lavoro in ufficio per tornare ad avere corretto rapporto tra servizi e cittadini” Diminuiscono consumi bar, mense, ristoranti, tabaccherie, edicole, cartolerie, librerie ed abbigliamento ed alloggi. Mancano all’appello i consumi di quasi 30mila lavoratori che si alternano quotidianamente in lavoro leggero . Diminuzione che si aggiunge al crollo del turismo e alla mancanza dei 60mila universitari, nonché dei 62mila studenti delle medie superiori in provincia quasi metà dei quali in città. Ogni giorno gli esercizi commerciali e di somministrazione perdono oltre 400mila euro di cui 300mila per la sola città. Mancano almeno 400mila euro ogni giorno nelle casse di negozianti, baristi, ristoratori nella provincia di Padova a seguito dell’incremento dei lavoratori in Smart working. Senza conteggiare le perdite negli…
Vai all’articolo completo Confesercenti Veneto: Effetto Smart Working e chiusura scuole
Fonte: Confesercenti Nazionale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *