Confesercenti Pistoia: la Toscana in zona arancione, insoddisfazione e denuncia assenza di scelte fondamentali

 Si assiste a ospedali pieni e ad assembramenti poco distanti, si persevera nello spettacolo indecente dello scaricabarile e della polemica tra Governo, Regioni, Comuni. Così alla probabile recrudescenza del virus si ritorna gialli, arancioni, rossi   Appena venerdì scorso l’Italia suddivisa in zone con la Toscana di colore giallo. Dopo tre giorni la regione è collocata in zona arancione. Ancora una volta bar, ristoranti, pasticcerie, sono duramente colpiti con la chiusura. Tutto il settore del turismo e relative filiere sono da 10 mesi ridotti a zero. Ma siamo sicuri che siano loro fonte primaria della crescita del contagio? I trasporti con mezzi zeppi di lavoratori e studenti non hanno inciso? Noi siamo i primi a riconoscere il dramma degli ospedali pieni, del personale sanitario che è sfinito, delle terapie intensive…
Vai all’articolo completo Confesercenti Pistoia: la Toscana in zona arancione, insoddisfazione e denuncia assenza di scelte fondamentali
Fonte: Confesercenti Nazionale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *